Come si fa ad andare d’accordo?

Facile: basta ricordarsi che non dobbiamo per forza farlo.
Ognuno ha i propri gusti, pensieri, paranoie.
Non c’è nessuno giusto nè sbagliato;
siamo semplicemente diversi.

A partire proprio dagli amici più stretti e fino ai propri genitori. Non ci si può omologare. Anzi! Trovare le diversità che ci caratterizzano e farne i punti di forza è il segreto migliore.
Quando qualcuno mi critica io sono felice. Dico: “Grazie!” Almeno mi considera. È già qualcosa. Ancora meglio se, in grado di farlo in faccia. E per consolarmi, mi chiedo: “a me, invece, piace il modo, l’oggetto, il pensiero o quel che è, di chi mi giudica?” Allora capisco che è meglio abbassare la testa e dire: “Grazie!” Di essere diversi!!!:-)

Poi, se si tratta di andarci d’accordo è tutt’altra cosa.
Non dico impossibile,
ma senz’altro un arte molto raffinata.
Imparare ad accettare, ma soprattutto a rispettare, le differenze che caratterizza ciascuno di noi è qualcosa di straordinario,
che fa stare bene noi stessi in primis e quelli con cui abbiamo o “dobbiamo” in qualche modo averci a che fare.

Quanto costa aver ragione

Dare ragione – capita mai?
Di rado?
Certo, è difficile. Ma quanto facile è dire semplicemente: “si!” E con questo chiudere tutte le polemiche. Mettere punto ad ogni inutile discussione. Induce addirittura spesso l’interlocutore a sentirsi spiazzato, in qualche modo sconfitto.
Insomma, il modo più semplice per venirne fuori vincenti quando le parole diventano di troppo.

Cos è per me una donna?

È quella persona in grado di dare amore disinteressato
Tanto da far sentire a casa ovunque
È innanzitutto mamma: dei propri figli, del proprio marito e persino dei genitori oltre che del cane
È chi ha gli attributi quadrati quando si tratta di fare scelte e prendere decisioni
È chi ha la battuta pronta e fa ridere
Chi dice sempre cose interessanti, stimolanti ed avvincenti
Chi tira su e mette in piedi qualunque cosa
Chi riesce a perdonare, ad andare oltre, a crescere insieme
È chi non si permette mai di stare poco bene o avere bisogno di null’altro che dell’amore sconfinato che costruisce attorno a se
È chi ti sa star vicino quando serve e ancor di più lontano, quando è meglio
Tutti i profumi, vestiti, gioielli, borsette e coafeur non rendono di certo una donna tale.

Cos’è per me l’uomo?

È lo stretto tra quelle braccia che ti fa sentire una piuma leggerissima
È il profumo del mio piatto preferito in cucina
È l’Inno alla gioia di Beethoven
È all inclusive – amore, odio, amico, genitore, cane –
È la forza disumana che fa scivolare le labbra nelle mutande quando incroci il suo sguardo
È il senso di essere donna, di essere diversa, per poterlo completare
È il pensiero che non mi viene in mente e l’unico a cui penso sempre
È la parola di conforto, la spalla su cui piangere, il nido in cui rifugiarsi
È l’amore infinito che mi nutre il cuore, apre la mente e da il coraggio di affrontare qualunque cosa

Dire NO

Sembra facile
Invece a volte è proprio questa la cosa più difficile
È proprio un NO che fa la differenza
tra uno stato d’animo e un altro, tra l’esserci o meno, tra sensi di colpa insoluti per non esserne stati capaci.