L’IMPORTANZA DEL GIUSTO LINGUAGGIO

Parlare la stessa lingua spesso non basta. C’è chi non capisce nulla, chi fraintende e chi si rifiuta di ascoltare. Spesso i messaggi che mandiamo non vengono recepiti nel modo in cui siamo convinti di averli inviati.

Il tono della voce può essere inadeguato o la mimica della faccia o il linguaggio del corpo. Non è sempre facile comunicare. Ma come fare a capire qual’è il modo giusto per farlo bene?

Dipende tutto dall’avversario. Certo, non è un ring, ma è pur sempre una sfida. Lo scopo è vincere. Farsi capire. Solo che in questo caso non è questione di demenza altrui, se non della propria incapacità di relazionarsi.

Guarda negli occhi chi ti sta davanti e segui le sue espressioni. Regolati in base a quello che senti essere recepito. Cambia di seguito ad atteggiamenti che sembrano non essere graditi.

Se proprio non ci riesci, lascia perdere. A volte il silenzio esprime molto meglio il nostro stato d’animo. Altrimenti buttalo sul sorriso, su una lacrima in caso, un abbraccio può altresì fare la differenza. Fai qualunque cosa pur di non importi.

Non urlare pretendendo di essere ascoltato.

12 comments

  1. unododici · marzo 8, 2016

    Comunicazione non riuscita. Riprovare più tardi. Certe persone sembrano automi di una generazione ancora non progredita. 😉 Sempre bello leggerti Carol ❤

    • carolinsigna · marzo 9, 2016

      Grazie! Le tue parole mi fanno venire voglia di scrivere:-)

  2. ehipenny · marzo 8, 2016

    Non sopporto le persone che urlano pensando che questo faciliti la comunicazione… urlare non è mai una comunicazione, può essere al massimo uni sfogo, ma dipende sempre da rivolto a chi? 😉

    • carolinsigna · marzo 9, 2016

      Senz’altro. Il cervello di chi ascolta smette automaticamente di ascoltare oltre una certa tonalità

      • ehipenny · marzo 9, 2016

        Esatto… 🙂

  3. Walter · marzo 9, 2016

    Spesso il dialogo oggi, si riduce a due monologhi contrapposti.
    Alcuni ascoltano solo per vedere se quel che vuoi dire lo hai detto bene, come se devono correggere un tema in classe, ma senza capire la sostanza della comunicazione.
    Altri, come nei social network non parlano più e il dialogo si riduce in: foto … faccino di risposta.
    Altri ancora dal loro piedistallo, alla fine della prima interazione dicono: – “non mi hai capito!” anziché – “non mi sono spiegato”.
    Altri, peggio dei politici, parlano e basta. Alcuni di questi delirano pure.
    Quasi tutti che vogliono imporre il loro punto di vista o ragioni, in virtù di un ego ammorbante.
    Non si sa più comunicare, non si sa più ascoltare. Eppure oggi, abbiamo infiniti modi per comunicare.
    Che tristezza.

  4. Anna Giuseppina · marzo 9, 2016

    La comunicazione è arte più difficile…. difficile ascoltare l’altro in mezzo a tutto questo rumore

  5. carolinsigna · marzo 10, 2016

    Puoi dirlo forte!:-)

  6. ©Elisa · aprile 12, 2016

    Donna saggia a mia adorata nonnina; lo diceva sempre; “Il tuono fa musica ”
    Non quello che dici, ma come lo dici …
    Gran bella lezione, che mi aiutato sia con le mie figlie, sia con il mio lavoro!
    Sempre con sorriso … alla prossima!

  7. ilmotard · aprile 19, 2016

    Prova a parlare con una narcisista manipolatrice… altro che fraintendere, vedrai il tuo pensiero distorto con malizia machiavellica spaventosa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...