LA MIA MASSIMA ASPIRAZIONE

aiutare

Tra l’essere un artista, un imprenditore o quant’altro c’è di mezzo un gran da fare. Ma il fatto è che diventarlo non indica necessariamente essere arrivati alla meta finale. La condizione cui aspiro è proprio quella di “servo” a qualcun’altro. Riuscire ad essere utile a qualcuno per qualcosa e farlo con la massima umiltà significa per me la vera DIGNITA’.

20 comments

  1. Guido Sperandio · settembre 4, 2014

    Non fa una grinza.
    È un proposito che richiede un grande cuore, in grado di superare le inevitabili delusioni, superarle e proseguire.

  2. newwhitebear · settembre 4, 2014

    Un obiettivo nobile e umile allo stesso tempo può donare grandi soddisfazioni.

    • carolinsigna · settembre 4, 2014

      E’ quello che mi ha portata dove sono oggi!

      • newwhitebear · settembre 4, 2014

        Mi fa piacere che tu stia perseguendo il tuo obiettivo.

      • carolinsigna · settembre 4, 2014

        Grazie! Buona serata! 🙂

      • newwhitebear · settembre 4, 2014

        Serena serata anche a te!

  3. Helena · settembre 4, 2014

    Occorre anche equilibrio interiore e tu in questa riflessione dimostri di averne davvero tanto, complimenti.
    Un saluto e un sorriso
    Elena

  4. Giusy Lorenzini · settembre 5, 2014

    Se riesci in questo obbiettivo così nobile, hai messo in pratica una pagina del Vangelo:” io non sono venuto per essere servito, ma per servire” Buona giornata Carolina, Giusy

    • carolinsigna · settembre 5, 2014

      Giusy, non esagererei 🙂 in fondo lo faccio sempre per il MIO piacere 🙂
      Buona giornata anche a te!

  5. Claudia · settembre 5, 2014

    L’io servo mi piace molto e tante volte un sorriso vale più di mille vassoi 🙂 buona giornata 🙂

  6. sergio · settembre 5, 2014

    Sono troppo egocentrico per fare qualcosa al solo scopo di servire a qualcuno se non sono utile anche ame stesso. Scusa la voce dissonante.

  7. cristinadellamore · settembre 5, 2014

    Ich diene (Io servo) è il motto del Principe di Galles (No, non il tessuto 😛 ). OK, non conta con chi vai ma conta la strada che percorri.
    E grazie per il following, ricambio

  8. bigetto · settembre 9, 2014

    bello …. aiutare qualcuno a camminare con le proprie gambe…. a pensare con il proprio cervello… a riconoscersi persona …. E’ un bel progetto… sicuramente ci riuscirai… basta che lo vuoi… sara’ beata la persona posta sotto le tue ali…. Buon pomeriggio…

  9. gabriarte · settembre 11, 2014

    è un verbo che non mi piace servire perchè nessun uomo dovrebbe essere il servo di un’altro la disponibilità nell’aiutare chi ha necessità si avvicina di più al mio modo di pensare bellissimo blog ciao buona giornata

    • carolinsigna · settembre 12, 2014

      Grazie per i complimenti.. Il verbo era per rendere l’idea facendo un gioco di parole. Sono d’accordo con te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...