Sei soddisfatto del tuo risultato? Are you satisfied of your results?

Immagine

Ti piace il tuo lavoro? Il tuo stipendio? Come si comporta la gente con te? Le tue relazioni?

Se non lo fossi, non provare a lamentartene. Andresti solo ad inferire e a rendere il tutto ancor più pesante.

È tutto molto semplice. Matematico direi. Se vuoi cambiare il risultato basta cambiare azione, o anche un solo segno, o una cifra. Ce l’hai solo tu in mano il gesso con cui scrivi i problemi che ti costruisci. Non aspettarti che lo faccia nessun altro per te!

 

Do you like your job? Your salary? How people behave with you? Your relationships?

If you aren’t, please, try not to complain about that. You would just make it even heavier.

Everything is very simple. Mathematician I would say. If you want to change the outcome just change action, or even a single sign or a number. Just You have the chalk in your hand, with which you build your problems. Don’t expect that anyone else will do it for you!

29 comments

  1. fariv66 · giugno 4, 2014

    Assolutamente vero … lamentarsi non serve a niente … bisogna cambiare le cose … o tacere.
    Ciao

  2. Mr Tozzo · giugno 4, 2014

    Giusto !!!! Basta lamentarsi …. bisogno alzare il sedere e muoversi !! 😀

  3. ninjalaspia · giugno 4, 2014

    Vero! Bravissima, in due righe hai reso il concetto. Buona giornata 🙂

  4. mo1503 · giugno 4, 2014

    non sempre però è facile cambiare segno,a volte non si trovano i gessetti.

    • carolinsigna · giugno 5, 2014

      capisco, .. ma io credo che se vuoi, puoi anche graffiarla con le unghie quella lavagna pur di cambiare qualcosa.

  5. Esatto, poche parole, tanti fatti!!!
    Buona gg
    Manu

  6. ysingrinus · giugno 4, 2014

    Già modificare un segno stravolge tutta l’operazione, cambiare addirittura qualche cifra neanche a dirlo!

  7. Do · giugno 4, 2014

    A Carolll!!! edddopo sta perla nun ce dice come se trova il segno da cambià?!? 😀

    • carolinsigna · giugno 5, 2014

      Prova con uno qualsiasi,.. tanto il risultato cambia comunque!

  8. Aquileana · giugno 4, 2014

    I will have to change some numbers to get better results, Witty posts, thanks for sharing.

    Best wishes, Aquileana )

  9. Gianluca Bartalucci · giugno 5, 2014

    E’ interessante – dico sul serio – questa fiducia nella potenzialità dell’uomo. Nella sua capacità di cambiare vita – basta volerlo, o lavoro, o fidanzata. Ti leggo volentieri anche se, l’ammetto, io che molto probabilmente ho una visione del tutto differente dell’esistenza, credo che le cose nella realtà non siano mai davvero così semplici. Per un miliardo di motivi, per la natura del cervello umano – che non è mai completamente razionale ma è stimolato di volta in volta da spinte emotive sia positive che negative, sia per gli infiniti condizionamenti culturali a cui siamo sottoposti fin dalla nascita e che alla fine creano noi – ci piaccia o no ammetterlo.

    • carolinsigna · giugno 5, 2014

      Sai cosa mi rende così: pensare che possa essere l’ultimo giorno, ogni giorno. Così faccio subito chiarezza tra le cose che mi vanno e quelle che non mi vanno proprio, cerco di impiegare il mio tempo al meglio solo facendo con passione ciò che mi piace (cercando di ricavarne del buono, almeno per qualcun’altro:-) e mi circondo solo di persone con cui mi fa piacere condividere, da cui ho da imparare e che mi fanno stare bene. è tutto molto semplice quando non ci pensi, è un pò come tornare bambini. Fai quello che ti va e sei sicuro che tutto sia possibile. Almeno nell’immaginario:-) magari ancora una soluzione non l’hanno inventata per tutto, ma le nostre potenzialità vanno spesso al di là dei limiti che ci auto-mettiamo. Basta volere qualcosa, anche solo un pochino, ma volerlo veramente e in qualche modo lo si raggiunge prima o poi. Il problema più delle volte è che non sappiamo bene cosa vogliamo, è solo per questo che a volte non viene fuori niente.

      • Fabio Saracino · giugno 11, 2014

        Ciao Carol, in linea generale concordo con te, nel senso che ci si lamenta sempe troppo ma poi, al momento di prendere una decisione, ovvero quando si tratta di passare ai fatti, lasciamo perdere e sprechiamo un’occasione.
        Tuttavia, credo che più si avanzi nella vita e più tutto diventi più difficile. Ad esempio, cambiare lavoro, o smettere di lavorare del tutto, abbandonando un certo modo consumista di intendere la vita, è un’operazione che richiede tempo, studio ed energie. In più, abbiamo tante paure, tante debolezze che non giocano a nostro favore e che vanno combattute. Anche il condizionamento che proviene dall’esterno, le abitudini, la famiglia, gli amici, tutto ci trascina in una direzione che magari non è quella che vogliamo.
        Quando si è giovani spesso ad una decisione vera e presa con quell’impeto giovanile segue un cambio radicale di noi stessi (che poi ciò che veramente deve cambiare siamo noi dentro). Dopo è un po’ più difficile cambiare, ma io sono convinto che possa essere anche più bello. Ciao!

      • carolinsigna · giugno 16, 2014

        Non è’ necessario cambiare .. L’importante è saper dove siamo diretti . Come dici tu, almeno prima o poi:-)

      • Fabio Saracino · giugno 16, 2014

        Concordo, sapere dove siamo diretti è ancora più importante. Il cambiamento avverrà nel viaggio, se necessario. Ciao!

  10. arthur · giugno 5, 2014

    Condivido perfettamente su quanto dici e tra l’altro, nel caso, a cosa serve lamentarsi?

  11. arthur · giugno 5, 2014

    sì, chi ha la sfortuna di starci vicini o quando si ha la sfortuna di stare vicino a chi lo fa.

    Beh, capita nella vita di essere il pungiball di qualcuno… 🙂

  12. bigetto · giugno 8, 2014

    mi piace avere il gesso in mano….ma non credo che la vita sia cosi’ semplice…ci sono troppe variabili e ci vorrebbe un pc con un ottimo programma specifico……sto pensando alle generazioni presenti…. e quelle future…chissa’ se avranno la forza e la voglia di riscrivere la storia…soprattutto la loro

    • carolinsigna · giugno 9, 2014

      quanto alle generazioni future, speriamo scrivano una gran storia.. in quanto ad oggi,invece, hai senz’altro ragione..non è così semplice,..è proprio per questo che cerco di semplificarla il più possibile 🙂

  13. elenaluciazumerle · giugno 24, 2014

    Concordo pienamente! e se ci pensiamo bene. noi giovani invece di scappare semplicemente, dovremmo cambiarla! E’ facile scappare ! se vogliamo un italia piuù, il tutto deve partire da noi, che saremo il futuro! basta scappare!

    Elena
    http://aifashiongirls.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...