ANDANDO IN TRENO GOING BY TRAIN

Immagine

 

–          “Mi scusi, signore!” chiede Francesco ad un anziano seduto in treno qualche metro più lontano da sé.

–          “Non è che potremmo fare cambio di posto?”

–          “Perché mai?” Gli risponde il signore non del tutto convinto di accettare.

–          “Vede,.. il punto è che la donna vicino alla quale sarebbe il mio biglietto è la mia ex moglie..!”

Al chè il vecchio si gira, da uno sguardo, ed incredulo gli fa una smorfia..

Francesco non si sposta. Continua a guardarlo negli occhi con l’aria di uno che implora.

Allora il vecchio, alzandosi gli dà una pacca di comprensione sulla spalla e si va ad accomodare al posto del giovane, anche se piuttosto titubante.

Incredulo, Francesco comincia a mettere le sue cose sopra la cassapanca del signore anziano, si tira su le maniche della camicia bianca immacolata, e con uno splendido sorriso stampato in faccia si siede vicino ad una gnocca bestiale, che legge il giornale e non sbatte ciglio.

–          “Buon giorno!” cerca di fare un minimo di conversazione.

Niente. La ragazza non gli dà retta.

–          “Bella giornata, ehm?!” ci ritenta.

Niente da fare.

Allora Francesco si mette le cuffie del telefonino nelle orecchie e si chiude nel proprio mondo multimediale e ballando con la testa a destra e a sinistra a ritmo dei Daft Punk, non può che incrociare il sorriso di lei.

Il cuore gli si ferma in gola. Finalmente si sente guardato: dritto negli occhi. Comincia a sentirsi come se avesse qualcosa che non va. Pensa:

–          “Che c’è’? Puzzo? Sono sporco da qualche parte? Le ho pestato un piede? Le sto tirando qualche filo di capelli riccioloni profumati che mi fanno impazzire dal profumo sexy che mi entra dritto nel cervello?”

La ragazza apre la bocca. Parla. Ha un sorriso infinito di sottofondo.

–          “Aiuto! Non capisco cosa stia dicendo!”

–          “You have not been too nice!”

–          “Come dici? Excuse me?!”

Lei indica con la mano il signore anziano di prima seduto con il cappello in testa ed il bastone nella mano accanto ad una signora sovrappeso che mangia un hamburger colante salse ovunque.

Allora Francesco capisce a cosa si riferisca e stringendosi nelle spalle cerca di fare una smanceria simpatica, un mix tra il “non centro nulla” ed il “per stare accanto a te questo ed altro!”

 

 

 

–          ” Excuse me, sir! ” Francis asks to an old man sitting on the train a few feet away from him.“Couldn’t we make a change of our places, please?”

–           “Why ? ” The Lord answered, not entirely convinced to accept .

–           “Look, .. the point is that the woman next to the set of my ticket is my ex-wife..!”

–          Whereupon the old man turns around, takes a look , and incredulous grimaces ..

Francis does not move. Keeps eye contact like someone who begs.

Then the old man, getting pats of understanding to him on the shoulder, goes to sit in the place of the young , although quite hesitant.

Incredulous, Francis begins to put his things on the shelf of the old man, pulling up the sleeves of his spotless white shirt and with a beautiful smile on his face sits next to a great young woman, which was reading the newspaper and does even not close eyelashes.

–           “Good morning !” Tries to make a conversation.

Nothing. The girl does not give him any attention.

–          ” Beautiful day, isn’t it? He tries again.

There is nothing to do.

So Francis puts the headphones into his ears and isolated in his own multimedia world, starts to dance with his head from side to side to the beat of Daft Punk, crosses the girl’s smile

His heart stopped in his throat. Finally feels watched: right in the eye . Begins to feel as if he had something wrong with him. Begins to think about:

–           “What is happening? Am I smelling bad? Am I dirty anywhere? Did I stepped on her foot ? Am I pulling any of her curl strand of hair that makes me feel crazy with its sexy perfume that enters directly into my brain?”

The girl opens her mouth. Talks. She has an endless smile on background.

–           ” Help! I do not understand what you’re saying!”

–           ” You have not been too nice!” She answered me to me in English.

–           “What do you mean? Excuse me?”

She points with her hand to the elderly gentleman that was sitting down on his place before, who now is sitting with his hat and his stick next to an overweight lady who is eating a hamburger with sauces that leaking everywhere.

Francis understands what she means and shrugging his shoulders tried to make a funny grimace, a mix between: “it’s not my fault” and “to stand beside you all this and even more!”

20 comments

  1. cordialdo · maggio 31, 2014

    Proprio un simpaticissimo siparietto! In questi casi le parole sono inutili, usare il linguaggio del corpo!!! Esiste!

  2. gaetano pesce · maggio 31, 2014

    Sto pensando, dopo un turno difficile tra un infarto ed un’ altro sono un po lento, anche a capire.

  3. gaetano pesce · maggio 31, 2014

    Per poter occupare quel posto avrebbe venduto l’anima; non so se basta vedere una stra bella ragazza, meriti un tale comportamento. Perchè ,non essere onesto e sussurare le vere intenzioni a signore anziano? poi anziano sì, ma stupido no. Figurati se non aveveva capito e anche bene le intenzioni di quello che voleva attaccare bottone. Certo è, che quella fase, giovanile, l’aveva passata prima di lui, magari facendo una figura migliore.Doveva impostare un’approccio prima del cambio posto con la signorina “GNOCCA” ed il resto veniva da sè.
    Ciao, Gaetano.

    • carolinsigna · giugno 3, 2014

      Caro Gaetano! Tu sì che ne sai ..:-)

      • gaetano pesce · giugno 6, 2014

        Mia cara,
        le persone che il piacere di socializzare e che lo fanno senza un secondo fine soono delle persone con un’immensa richezza. Ho imparato tanto dei miei pazienti, loro per me sono fonte di crescita culturale. molti appartengono al periodo bellico della seconda guerra mondiale e che hanno lasciato i campi della puglia, sicilia e così via dicendo. Il mio errore ed è un enorme errore, quello di non aver mai dato colore ad un foglio di carta con tutti i loro racconti. Sono ancora in tempo.
        Un caro saluto, mi fa piacere scriverti perchè rievoco, rispondendo, il mio passato.
        Ciao.

      • carolinsigna · giugno 6, 2014

        Ciao! Che belle cose che mi scrivi! Perchè non provi a mettere giù il più piccolo, il più corto, quello che ti viene in mente prima, tra questi racconti? una volta che cominci te ne verranno in mente molti altri e potrebbe essere terapeutico e costruttivo per chiunque li legga! Io per prima 🙂

  4. jeiemerwin · giugno 2, 2014
  5. Do · giugno 2, 2014

    … ma.. ma.. finisce così?!?!??

    • carolinsigna · giugno 3, 2014

      hahaha!!! … no, certo che no,.. vediamo come va avanti.. magari arriva un’amica ancora più bella 🙂

      • Do · giugno 3, 2014

        ah ecco!!!

  6. Pinzalberto · giugno 3, 2014

    All’epoca degli scompartimenti sui treni poteva capitarti di peggio, una giunonica mangiona di hamburger è niente! 🙂

  7. tentazionitofashion · giugno 3, 2014

    Ciao ti ho nominata per il Liebster award se ti va fallo 🙂 baci
    questo è il link :
    http://tentazionitofashion.wordpress.com/

  8. Aquileana · giugno 5, 2014

    Just dropping by to tell you that I have nominated you for an award. Check out the nomination here (scroll down the page):

    http://aquileana.wordpress.com/2014/06/05/greek-mythology-orpheus-and-eurydice/

    Congratulations and best wishes!!!…

    Aquileana 🙂

  9. ffois90 · giugno 6, 2014

    Bellissima!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...