IL CAMBIAMENTO

Non è che ci voglia tanto: sembra tutto molto semplice. Ogni cosa ha il senso che TU gli dai. SE PENSI SIA BELLO, è BELLO. Se invece credi sia BRUTTO è BRUTTO  e così via. Se lo pensi importante, indispensabile ecc oppure no, fa lo stesso. Nessuno può suggerirti il valore reale da dare a nulla. Sei solo tu che scegli se fare o farne a meno, il perché e tutto il resto. E non esiste giusto o sbagliato per se stessi (entro i confini della legge, è ovvio). Chi l’ha deciso che io debba mangiare questo cibo piuttosto che un altro, fidanzarmi o no, fare un determinato lavoro, figli o farne a meno? Chi? Sì, a volte ci aggrappiamo ai consigli saggi dei più maturi, sperando che abbiano ragione. Che si tratti di amici, parenti o quant’altro non importa. Ma qual è il fatto? Che poi però le conseguenze di queste scelte sei solo tu che le vivi e nessun’altro.

Eppure quando si tratta di fare una scelta, anche la più banale pensiamo sempre a cosa direbbero gli altri. Perché???

Se non mi piacciono i frutti che ci sono sul mio albero è inutile che li pulisca, li profumi, li riempia di complimenti per farli sembrare migliori. Per cambiarli, renderli migliori devo scavare alle radici, che affondano nel terreno e non si vedono in superficie.

Cosi’ anche nella realtà: i miei pensieri mi fanno sentire delle emozioni che mi inducono a fare delle azioni. L’insieme di tutto ciò determina il risultato. Quindi se non mi piace il risultato cosa devo cambiare?

9 comments

  1. vetrocolato · marzo 24, 2014

    Dice un mio vecchio, buono e saggio amico,
    non è bello ciò che è bello, ma che bello che bello che bello!
    Io credo che tu non debba cambiare nulla, a te stessa.
    Sono gli altri che fanno venire i dubbi.
    Cambia ambiente.

  2. glencoe · marzo 24, 2014

    certo, ma questo è solo una parte di quella che è la valutazione complessiva; oltre al proprio sentire che dipende dalla propria condizione (economica, morale, affettiva, psicologica) e per cui lo stesso sentire risulta essere internamente dipendente abbiamo la situazione esterna; dove siamo dove ci troviamo;
    siamo in un atollo del Pacifico come naufraghi senza speranza o ci siamo come turisti?
    siamo integralisti, siamo europei, asiatici o altro?

  3. Branoalcollo · marzo 24, 2014

    Ciao Carol, piacere di conoscerti. In merito ai cambiamenti, vero quanto dici, forse quando non siamo tanto convinti delle scelte, ci preoccupiamo delle reazioni degli altri, altrimenti credo di no…

  4. andreainversini · marzo 24, 2014

    “L’uomo è misura di tutte le cose”, diceva Protagora. La parola “misura” usata in Greco è “mètron”, a ricordare, oggi, che perfino le grandezze geometriche e fisiche non sono altro che convenzioni comunemente accettate, ma che in origine furono create a discrezione di qualcuno.

  5. AlViN · marzo 24, 2014

    La prigione che ci costruiamo: cosa dicono di noi!

  6. Il Principe · marzo 24, 2014

    “”Quindi se non mi piace il risultato cosa devo cambiare?”” Nulla perchè è frutto di te stessa.
    Gli altri, molto importanti, ma non determinanti per se stessi.

  7. venereisterica · marzo 24, 2014

    Davanti alle scelte spesso si è da soli… quando queste poi non vengono accettate dai propri “affetti” la cosa si complica parecchio e i dubbi si moltiplicano. La paura di deludere le aspettative degli “altri” può rappresentare un insidioso ostacolo nel proprio percorso. Hai ragione quando dici che le conseguenze delle tue scelte le vivrai tu… quindi ascolta i pareri di tutti, valutali e fai la tua scelta in solitudine… Cambiare può essere una soluzione… ma solo se è davvero quello che vuoi tu!

  8. Do · aprile 1, 2014

    Ciao Carol,
    il cambiamento fa paura per definizione.
    Tuttavia se uno supera la paura, cambiare è facile, ma tu chiedi dove cambiare, allora mi viene da pensare che si stia parlando di evoluzione.

    E l’evoluzione funziona in maniera un po’ strana, sembra accadere, ma giustamente a volte abbiamo bisogno che accada, vogliamo che accada, e allora come si fa?

    Non lo so…. tristemente non lo so… ci sono un po’ di cose che si possono provare, ma una ricetta non l’ho ancora trovata 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...